La nostra missione è quella di migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità consentendo loro di avere maggiore indipendenza, mobilità e serenità grazie all’utilizzo di cani altamente addestrati.

Il Mio Labrador ASD è nata nel 2014 per volontà di un gruppo di persone che, dopo anni di esperienza sul territorio, ha pensato di dare vita ad una realtà che avesse come scopo primario, quello di migliorare la vita delle persone “speciali”, fornendo cani “speciali” altamente addestrati per l’assistenza alle persone che vivono una condizione di disagio fisico o psichico, per il supporto a chi soffre di disturbi dello spettro autistico e per l’allerta per il diabete. Tra le nostre attività rientrano anche gli per interventi assistiti (pet therapy) e l’educazione di base.


Dal 2014,
anno di nascita dell’associazione, Il Mio Labrador ASD ha portato a termine l’addestramento di 12 cani che sono già stati consegnati alle famiglie: 8 per assistenza disabili e 4 per allerta diabete. Dal 2014 abbiamo consegnato già 12 cani e attualmente in associazione sono presenti altri 12 Labrador Retriever in fase di preparazione.

Selezioniamo accuratamente labrador retriever, dopo un attento processo di valutazione: questi cani sono animali istintivamente particolarmente disponibili ad amare ed aiutare il loro “umano” e grazie al nostro lavoro, possono diventare compagni inseparabili delle persone disabili donando a loro infinito affetto e, soprattutto, una migliore qualità della vita. Fino ad oggi abbiamo consegnato 12 cani: 8 per assistenza disabili e 4 per allerta diabete. La nostra associazione è in grado di operare in tutto il territorio nazionale ed è in fase di attuazione un progetto in collaborazione con un’associazione in Alabama (USA).

In questo momento da noi vivono da noi 22 cani di cui 20 di taglia grande e 2 di taglia piccola. Di questi undici sono quelli destinati all’addestramento. Altri 4 cani per addestramento arriveranno a gennaio e sono già assegnati ai loro “umani speciali”.

Questi cani apporteranno ai loro futuri proprietari con ridotta mobilità, sostegno e conforto in caso di disabilità e allerteranno gli assistenti in caso di cani da allerta per il diabete o per il supporto per l’autismo.